Contributo a fondo perduto per chi riduce il canone di affitto. A chi spetta e come ottenerlo.

Contributo a fondo perduto per chi riduce il canone di affitto. A chi spetta e come ottenerlo.

Contributo a fondo perduto per chi riduce il canone di affitto.

Un provvedimento e una nuova guida spiegano come accedere al beneficio.

– Chi può’ ottenere il bonus: I proprietari di case affittate come abitazione principale in comuni ad alta tensione abitativa, che dal 25 dicembre dello scorso anno al prossimo 31 dicembre hanno ridotto o ridurranno i canoni del contratto di affitto per tutto o parte dell’anno 2021. È necessario, inoltre, che i contratti di locazione siano in vigore almeno dal 29 ottobre 2020.

 – Come fare domanda: una guida spiega la procedura passo passo – È possibile presentare l’istanza per ottenere il contributo fino al 6 settembre 2021 e la richiesta potrà essere inviata in autonomia dal contribuente, oppure tramite un intermediario autorizzato ad accedere al cassetto fiscale del locatore.

All’interno della domanda è necessario inserire il codice fiscale del locatore, l’IBAN del conto corrente su cui ricevere le somme e i dati del contratto oggetto di rinegoziazione, con la data di inizio e fine del nuovo canone rinegoziato, l’importo del canone annuo prima e dopo la rinegoziazione e l’indicazione della quota di possesso del locatore richiedente il contributo. Molti dati saranno comunque precompilati dall’Agenzia, sulla base delle informazioni presenti in Anagrafe tributaria.

 

Una guida rilasciata dall’Agenzia delle Entrate, completa di esempi e suggerimenti, spiegherà nel dettaglio come presentare la domanda, presso la nostra sede di Casoria in via Carducci 100 sarà possibile ritirare una copia stampata.

 

– Come verrà erogato il contributo – Il contributo riconosciuto dal Fisco è pari al 50% dell’ammontare complessivo delle rinegoziazioni in diminuzione e può arrivare a un importo massimo di 1.200 euro per ciascun locatore. Le somme verranno accreditate direttamente sul conto corrente indicato nella domanda.

Nel caso in cui le risorse stanziate siano inferiori all’ammontare  complessivo dei contributi da erogare, l’Agenzia delle Entrate provvederà al riparto proporzionale delle risorse stanziate sulla base del rapporto tra l’ammontare dei fondi disponibili e l’ammontare complessivo dei contributi richiesti.

img

antonio

Post correlati

  • casa

Permesso in sanatoria per costruire una tettoia

Si può ottenere un permesso per costruire una tettoia? Perché una tettoia possa ottenere...

Continua a leggere
antonio
di antonio
  • casa

CONTRATTO D’AFFITTO, I PRINCIPALI OBBLIGHI DELL’INQUILINO

La custodia dell’immobile Da quanto specificato dalla legge, la presa in consegna segna il...

Continua a leggere
antonio
di antonio
  • casa

Contratto di Locazione

Il contratto di locazione in generale deve contenere: l’indicazione delle parti, il locatore...

Continua a leggere
antonio
di antonio

Partecipa alla discussione